HO SPOSATO UNA BAGLIONIANA

donato zoppo

di Emanuela De Francisci

Faccio una piccola premessa: questo è un testo che molti di voi avranno già letto in passato ma che ripropongo volentieri per i nuovi amici, Con queste righe ebbi la fortuna di vincere nel 2009 un incontro con Claudio prima della data del Granconcerto a Spello, ma, e c’è sempre un ma, il concerto venne rimandato per via di un diluvio biblico e naturalmente poi non riuscii ad andarci. Ebbi comunque tempo dopo la soddisfazione di vederlo premiato, nell’ambito di un concorso, da Donato Zoppo che mi inviò il suo libro Questo piccolo grande viaggiatore con una bellissima dedica. Termino la premessa dicendo che, nonostante siano passati quasi 10 anni, le cose non sono cambiate, anzi, io sono sempre più rimBaglionita e San Giorgio è sempre più santo.

Mi chiamo Giorgio, vivo con un figlio, un gatto, 17 pesci, una tartaruga ed una nuova specie, rara ma non troppo a quanto vedo, la moglie Baglioniana.

A dire il vero, la ormai non più adolescente fanciulla me l’ha tenuto nascosto bene, per ben 13, 14 anni non ho quasi sentito parlare del Grande Mago!

Sì, qualche canzone di tanto in tanto, la richiesta per il compleanno del cd Viaggiatore sulla coda del tempo, un concerto in televisione, ma, direi, tutto nella norma e poi, ad un tratto un virus sconosciuto ma letale ha colpito la mia dolce metà.

La nuova specie che vive con me, durante il tour “Tutti qui” a cui ha assistito il 14 dicembre 2006 (data memorabile che richiede festeggiamenti annuali) ne deve essere stata contagiata e da allora assume degli atteggiamenti stranissimi.

Sin dal mattino presto gironzola per casa canticchiando sommessamente e, non si capisce per quale recondito motivo, non risponde ai miei richiami… poi lo vedo: dalle orecchie spuntano i cordoncini di un paio di cuffiette dell’I-pod nel quale sono presenti ben 203 brani inseriti in un’unica cartella denominata, riporto testualmente, ClauDio, con la D maiuscola.

La giornata prosegue, in ogni locale frequentato dalla suddetta troviamo nell’ordine:

  • Cucinastereo con inserito cd “Io sono qui”
  • Camera da lettolettore di cd portatile con cd “Oltre”
  • Camera del figliocome sopra con cd “Sono io”
  • Sala da pranzo (e qui viene il bello!) computer portatile collegato a un mix di Video del Grande Claudio,  ma, per non farsi mancare nulla, televisione sintonizzata senza volume su Radio Italia (e se per caso trasmettono un video di Claudio?!).
  • In alternativa passiamo al lettore dvd con Tour Tutti qui, tour Crescendo e Cercando, e qualche altro di cui mi sfugge il titolo, ah sì….. gli speciali… i dietro le quinte…. i dvd dei clabber ecc.ecc.

Stendiamo inoltre un velo pietoso sui momenti in cui il soggetto idolatrato appare in qualche trasmissione televisiva… Il silenzio intorno deve essere totale, anche ai pesci è vietato nuotare, potrebbero fare rumore disturbando le onde sonore emesse dalla magica voce.

Altra particolarità della specie è l’evoluzione del linguaggio: non mi dice più un banale “buon anniversario caro!!!” no, troppo semplice, la frase è “Mille giorni di te e di me……”.

Se parto per lavoro non è più il logico “vai piano, chiama quando arrivi” NO è “fai buon viaggio cuore mio, fai buon viaggio nella vita” oh, ma domani torno!!!

Durante l’ultima recente discussione mi sono sentito apostrofare con: “L’amore inizia quando ci si capisce senza parlare e finisce quando si parla senza capirsi” al che, visto il mio sguardo attonito, ha avuto la compiacenza di citare l’autore di questo aforisma – dal libro Q.P.G.A pag. 36, autore Claudio Baglioni (niente di meglio da fare il ragazzo?).

Vogliamo ora descrivere il nuovo animaletto quando è on-line in attesa dell’apertura delle vendite dei biglietti. Circa mezz’ora prima dell’orario indicato, il computer è sul sito, anzi, l’ultima volta per il concerto di Brescia, erano ben tre i siti aperti: Ticketone, ticket.it, green ticket, in una spasmodica gara su chi per primo apre le vendite.

Vista l’incertezza dell’evento, il telefono fisso componeva il numero del call center, mentre il cellulare era in linea con l’organizzazione. Il tutto avveniva contemporaneamente accompagnato da uno sguardo allucinato…. e, “beeeeep (censura) anche stavolta niente posto in prima fila”

Un altro piccolo difetto delle specie è la vista bassa (anche Claudio era miope!) che comporta per me che la devo seguire ed accudire (del resto l’ho promesso, nella buona e nella cattiva sorte) il fatto di essere stato promosso “autista” e questo sarebbe il meno se non che questa nuova professione mi costringe ad ore di estenuante attesa fuori dai teatri e dai palazzetti trascorse ascoltando a tutto volume l’ultimo cd degli AC/DC allo scopo di mimetizzare l’altisonante voce che esce dalle mura.

Ed ora vi descrivo la compagna della mia vita all’uscita dal concerto. Avete presente il sole che ride disegnato dai bimbi, avete presente quel sorriso che si ferma perché ci sono le orecchie altrimenti… chissà dove arriverebbe, avete presente un arcobaleno rovesciato, avete presente lo stato di grazia, la dolcezza, la felicità ecco, solo per questo devo ringraziare Claudio Baglioni che, sarà un tormento, ma le regala la gioia e la voglia di essere sempre una giovane ragazza, la mia ragazza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...